Software per scrivere in CommonMark


Per scrivere e inserire i marcatori liberamente è necessario usare un editor di testo che sappia scrivere, salvare, riscrivere e stampare e che permetta di salvare il documento con la desinenza che dichiara il formato Markdown: La desinenza .md
La desinenza .md indica che il documento è in formato Markdown.

Per quanto riguarda il CommonMark invece le cose si complicano un pochino in quanto non tutti gli editor per Markdown riconoscono la sintassi più estesa del CommonMark. Quindi il campo della scelta dell'editor per scrivere il nostro documento si restringe. Quindi io consiglio vivamente di usare editor che supportano il linguaggio CommonMark

Altrimenti rischiamo che quando andiamo a esportare il nostro documento dal formato .md (Markdown) nel formato PDF, DOC, ODT, HTML o TeX non vengono interpretate determinate istruzioni di formattazione del testo che ci sono nel linguaggio CommonMark, ma non sono presenti nel Markdown. Perché tutte le codifiche del Markdown sono presenti nel CommonMark, ma non viceversa.

Applicazioni che supportano il linguaggio CommonMark


Le applicazioni che supportano il linguaggio CommonMark sono le seguenti:

  • Markdown Edit (solo per Windows)

  • Markdown Editor (sul chrome Web Store)

  • Markdown Plus (Windows, Mac)

  • MarkdownPad (solo per Windows)

  • TextNut (Mac, iOS)

  • Ghostwriter (Windows, Linux) che supporta anche Pandoc

  • Versatil Markdown (solo per il Mac)

  • Caret (Mac, Windows, Linux)

  • Potest (Windows, tramite la compilazione di sorgenti Linux e Mac). Potest ha anche delle specifiche aggiuntive di formattazione del testo e di impaginazione.

    Applicazioni che supportano solo il linguaggio Markdown


    Le applicazioni che supportano solo il linguaggio CommonMark ma che comunque potrebbe valere la pena di usare sono le seguenti:

  • MacDown (solo per Mac). Programma che supporta solo il linguaggio markdown ma che permette per esempio di impostare un documento orizzontalmente.

  • MWeb (solo per Mac) . Si può installare dal Mac Apple Store per il mac e dall'Apple Store per iphone e ipad. Permette di fare dei siti statici usando dei file css predefiniti.

  • RapidWeaver (solo per Mac). Programma che permette grazie all'integrazione di temi e linguaggio markdown di creare degli splendidi siti web.

  • Bear (solo per Mac) . Si può installare dal Mac Apple Store per il mac e dall'Apple Store per iphone e ipad. Programma che permette di scrivere note usando il linguaggio Markdown.

  • Byword (solo per Mac) . Si può installare dal Mac Apple Store per il mac e dall'Apple Store per iphone e ipad.

  • ReText (solo per Linux). Editor markdown che supporta Pandoc e permette l'impaginazione dei documenti attraverso texlive.

  • MarkdownX (per Android). Editor markdown per Android che possiamo installare dal chrome Web Store.

  • MarkPad (solo per Windows).

  • Typora (Mac, Windows, Linux)

  • WordPress: Il CMS più famoso, ed utilizzato in Rete per la creazione di blog, siti Web e Web application. Piattaforma open source che richiede per usare il linguaggio markdown di scaricare qui i plugins: WordPress markdown plugins

    Applicazioni che sono di supporto agli editor Markdown


    Ci sono delle applicazioni che sono di supporto alla maggior parte degli editor markdown e sono le seguenti:

  • Pandoc (Mac, Windows, Linux). Pandoc converte tra una moltitudine di formati di documenti, supporta CommonMark come input e output. Io personalmente consiglio sempre di installare anche Pandoc qualunque sia l'editor e il sistema operativo usato.

  • Gitit Un wiki supportato da Gitit e Pandoc, supporta pagine in CommonMark.